Beckham crede che il calcio possa aiutare a celebrare la vita della regina Elisabetta II

Beckham crede che il calcio possa aiutare a celebrare la vita della regina Elisabetta II

Notizia fresca giunta in redazione:

David Beckham crede che giocare e sostenere l’Inghilterra sia l’occasione ideale per i giocatori e i tifosi per celebrare la vita della Regina Elisabetta II.

La regina, che aveva regnato nel Regno Unito per 70 anni, è morta l’8 settembre all’età di 96 anni.

Quando la nazione è entrata in 10 giorni di lutto nazionale, la Federcalcio (FA) ha annunciato il rinvio di tutte le partite, dal livello professionistico a quello di base.

Ciò includeva le 10 partite della Premier League previste per lo scorso fine settimana, mentre solo sette partite della massima serie si svolgeranno questo fine settimana a causa di problemi logistici relativi al funerale del defunto monarca, che si terrà a Londra lunedì 19 settembre.

La regina giace nello stato fino alle 06:30 BST del giorno del funerale, con migliaia di persone in lutto in fila per circa cinque miglia per le strade di Londra per rendere omaggio.

Beckham, l’ex stella del Manchester United, del Real Madrid e dell’Inghilterra, si è unito alla coda venerdì e, con il calcio ora tornato – e con le partite internazionali in arrivo – l’ex capitano dei Tre Leoni spera che lo sport possa aiutare a celebrare la vita e il regno della Regina.

“Ci dovrebbe sempre essere rispetto per la nostra regina e il nostro paese in questo momento di lutto”, ha detto ai giornalisti.

“Ma, parlando da ex calciatore ed ex capitano dell’Inghilterra, so cosa significava per noi entrare in quel campo e rappresentare la nostra regina, il nostro paese e i Tre Leoni.

“E quando siamo là fuori, ci dà l’opportunità di festeggiare in un modo che solo il calcio e i suoi tifosi possono fare”.

L’Inghilterra affronterà l’Italia il 23 settembre prima di accogliere la Germania allo stadio di Wembley tre giorni dopo per l’ultima partita prima della Coppa del Mondo del Qatar, che inizierà a novembre.





Vai alla fonte di questo articolo

Lascia un commento