Calciomercato.com – Leggi marziali nei territori annessi. Le decisioni di Putin durante la riunione del Consiglio di sicurezza russo | Sapienza

Calciomercato.com – Leggi marziali nei territori annessi. Le decisioni di Putin durante la riunione del Consiglio di sicurezza russo | Sapienza

2022-10-19 23:55:00 Arrivano conferme:

Importanti novità riguardanti gli ormai ben noti rapporti testi tra Russia e Ucraina. Risale a poche ora fa la notizia secondo la quale il presidente russo Vladimir Putin avrebbe imposto delle leggi marziali, approvate tramite decreto che dovrà essere firmato anche dal Consiglio della Federazione, nelle Repubbliche Popolari di Donetsk e Luhansk, oltre che nelle regioni di Kherson e Zaporizhzhya; i territori sono accomunati dalla recente annessione alla Russia tramite referendum che non sono stati riconosciuti dalla comunità internazionale

Segnale forte da parte del presidente, che in apertura di una riunione del Consiglio di Sicurezza russo ha dichiarato che “la legge Marziale nei territori era già presente prima dell’ingresso in Russia”; è giusto ricordare, difatti, che il regime leggi marziali nel territorio ucraino sono in vigore da febbraio, ma che “va riproposto all’interno della legislazione russa. Pertanto, sarà imposto l’obbligo di rispettare le vigenti leggi marziali a questi 4 territori annessi” ha aggiunto Putin durante il suo intervento. Come riporta il Guardian, nel discorso il presidente ha trattato anche dell’emissione di un decreto riguardante delle forti limitazioni ai movimenti dentro e fuori le regioni di Krasnodar, Belgorod, Bryansk, Voronezh, Kursk e Rostov, in aggiunta ai territori di Crimea e Sebastopoli, già occupati dalla Russia dal 2014. Il motivo di ciò è legato alla vicinanza dei suddetti territori con quello ucraino. 

Le leggi marziali imposte da Putin riguardano diversi obblighi significativi, tra i quali il controllo sulle conversazioni telefoniche, il coprifuoco in determinate ore del giorno, il divieto di spostamento dalla propria regione per i cittadini,  importanti interventi economici di sostegno alle strutture militari e gli organi di difesa, nonché la possibilità di compiere liberamente perquisizioni ai cittadini ed ai loro effetti personali, di trattenere persone e veicoli per un massimo di 30 giorni e di sequestrare immobili di qualunque tipo se necessario. In un clima sempre più di terrore in seguito ai recenti attacchi missilistici alla capitale Kiev e ad altre diverse zone, tra cui la stessa Zaporizhzhya nei pressi della centrale nucleare, giunge a noi la notizia di questa presa di posizione e delle misure ferree messe in atto, che, sempre secondo il Guardian, possono essere estese in qualunque momento a tutta la federazione.

Questo articolo non è frutto della redazione di Calciomercato.com, ma è scritto da uno studente del Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale, Università La Sapienza di Roma, e rientra nella convenzione che Calciomercato.com ha siglato con l’ateneo romano, nello spirito di valorizzazione dei prodotti degli studenti e di facilitazione del loro ingresso nel mondo del lavoro.





Vai alla fonte di questo articolo