Gazzetta – Skriniar-Inter, lo slovacco prende tempo: rinviato l’incontro

Gazzetta – Skriniar-Inter, lo slovacco prende tempo: rinviato l’incontro

2022-11-24 10:32:58 Fioccano commenti e discussioni a causa dell’ultima news della rosea:

Il faccia a faccia con gli agenti a dicembre, deve essere ancora risolto il nodo bonus

Vincenzo D’Angelo-Carlo Laudisa

L’attesa genera ansia, timore dell’imprevisto. E quando si parla di rinnovi di giocatori simbolo, ogni giorno che passa aumenta l’agonia dei tifosi. Il popolo nerazzurro ha votato già da tempo: “Skrigno non si tocca”. E lo ha fatto in tutti i modi possibili, con striscioni comparsi sotto la sede dell’Inter, con cori allo stadio, ma soprattutto sui social, dove l’hashtag in questione ha fatto tendenza per tutta l’estate. Ma il desiderio popolare su Milan Skriniar si sposa in pieno col pensiero della società e, infatti, da mesi è cominciato il lavoro diplomatico per il rinnovo di contratto. Una soluzione che vorrebbero entrambe le parti, ma che comunque resta ancora non così vicina dal lieto fine. Marotta a inizio novembre si era spinto oltre con l’ottimismo: “Contiamo di chiudere entro la pausa del Mondiale”. Non è andata così, i tempi si sono evidentemente dilatati: a oggi i contatti tra le parti restano in continuo aggiornamento, ma c’è ancora distanza tra richiesta e offerta. Nulla di insuperabile, per carità. Ma intanto il tempo passa: un incontro sarebbe dovuto avvenire già in questo weekend, però Skriniar ha deciso di concedersi una vacanza a Dubai prima di rientrare in Italia. Dove lo aspetta Inzaghi per la preparazione, ma anche la dirigenza nerazzurra per accelerare la questione rinnovo. Insomma, l’orizzonte temporale si è ormai spostato a dicembre.

Assalto respinto

—  

All’Inter nessuno ha mai detto o fatto capire che il futuro di Milan Skriniar sarebbe stato lontano da Milano, semplicemente le logiche del mercato hanno reso lo slovacco il giocatore nerazzurro più ambito della scorsa estate. Il Psg ha fatto il possibile per portarlo in Francia, arrivando ad offrire al giocatore il triplo di quanto percepisce oggi all’Inter, oltre a un progetto tecnico che metteva la vittoria della Champions come obiettivo primario. Ma né Skriniar né l’Inter hanno mai spinto troppo per il trasferimento. Anzi, il club si è trincerato dietro a una richiesta da 80 milioni di euro. Per un giocatore in scadenza nella prossima estate equivale a dire “non è sul mercato”. E dopo il no definitivo del presidente Zhang, sono cominciate le prime manovre a caccia di una nuova intesa, per evitare di perdere un gioiello così prezioso a parametro zero e respingere le avances del Psg.

Trattativa

—  

In questi mesi le parti hanno sempre dialogato in maniera molto costruttiva. In particolare, il club nerazzurro ha apprezzato l’atteggiamento leale del giocatore, anche nei momenti più caldi della trattativa estiva con il Psg. Tante è vero che Milan è rimasto attento all’opzione interista, senza mai prestare particolare attenzione alle lusinghe arrivate da più parti. Sullo sfondo, però, resta la trattativa economica, con i suoi spigoli. Marotta e Ausilio hanno un tetto insuperabile: sei milioni di euro netti a stagione. Nella loro proposta sono compresi anche i bonus, ma questa è una opzione che merita degli approfondimenti. A tal proposito, va sempre ricordato che il Psg in estate aveva offerto un quinquennale da 8,5 milioni netti più 500.000 mila euro di bonus. Ovviamente, Skriniar non si aspetta che ora in Viale della Liberazione pareggino quella cifra, ma che almeno provino ad avvicinarsi, in un mondo o nell’altro… Sino a questo momento il nazionale slovacco e il suo entourage non hanno fatto richieste specifiche, visto che devono ancora dare una risposta all’ambasciata nerazzurra. È facile credere, però, che Skriniar si aspetti di arrivare a una parte fissa da 6,5 milioni, ossia quella che è astata garantita a Brozovic un anno fa, magari con l’aggiunta di un milioncino di bonus. Tutto è chiaramente in evoluzione, è presto per arrivare a delle conclusioni. In ogni caso ci sarà da lavorare, da incontrarsi nuovamente a più riprese. Ciò spiega perché tutti pensano che questa partita si risolverà proprio sulla voce incentivi. Come calibrarli? Come distribuirli? Alcuni più robusti e difficili da ottenere o altri più leggeri ma facilmente raggiungibili? Il dialogo verterà proprio su questi punti. I più delicati. Ma la base di partenza è solida, solidissima: Skriniar agli occhi dei tifosi incarna l’interismo e lui non ha intenzione di andar via. Aspetta però un segnale: quel passo in avanti nell’offerta che porti alla fumata bianca. Definitiva.



Vai alla fonte di questo articolo

Lascia un commento