A Conte piace “arrabbiato” Son Heung-min e insiste sul fatto che “non è mai un problema” per il Tottenham

A Conte piace “arrabbiato” Son Heung-min e insiste sul fatto che “non è mai un problema” per il Tottenham

Fa notizia quanto riportato poco fa sul web:

L’allenatore del Tottenham Antonio Conte ha riconosciuto che Son Heung-min è “arrabbiato” e privo di fiducia, ma lo ha sostenuto per fare ciò che fanno i migliori giocatori e superare la sua siccità.

Il numero sette degli Spurs ha visto il suo pessimo inizio di stagione continuare a metà settimana dopo aver prodotto un altro vuoto nella sconfitta per 2-0 in casa dello Sporting Lisbona.


LEGGI DI PIÙ: Bella-Kotchap al Liverpool tra cinque possibili trasferimenti da principiante della Premier League


Significa che Son ha ora perso otto partite senza gol, avendo terminato la stagione precedente come vincitore congiunto della Scarpa d’Oro in Premier League insieme a Mohamed Salah.

Capo Conte sembra avere una decisione da decidere se mantenere il 30enne nella formazione titolare contro un avversario fuori forma come gli ospiti di sabato Leicester o concedergli un riposo in ritardo.

Ha detto: “Penso che Sonny, di sicuro, non sia felice perché non sta segnando.

“E’ normale e mi piace che sia un po’ arrabbiato con questa situazione perché significa che vuole provare a cambiarla, anche perché abbiamo bisogno (di lui).

Stiamo parlando di Sonny ed è un giocatore davvero importante per noi. Allo stesso tempo, può succedere, specialmente quando giochi a partite massicce, puoi essere un po’ stanco mentalmente, anche il tuo corpo, quindi può succedere.

“Ma ripeto Sonny per me non sarebbe mai, mai un problema. Stiamo parlando di uno dei migliori due giocatori che abbiamo nella nostra squadra.

“Di sicuro può succedere che in alcune partite non riesca a giocare dall’inizio, come anche Harry (Kane). Ma solo per proteggerlo, per dare la possibilità di riposare, per prendersi cura delle sue energie e per portarci a vincere.

Parliamo di giocatori che durante la partita sono decisivi e abbiamo bisogno di avere questi giocatori per essere sempre al top”.

Devi tornare all’estate del 2020 – in trasferta al Bournemouth – per l’ultima volta che Son ha iniziato una partita di Premier League in panchina quando era completamente in forma.

Da allora il sudcoreano ha giocato quasi ogni minuto quando era disponibile per il Tottenham e ha segnato i 20 gol in ciascuna delle ultime due stagioni.

“Quando fai molti gol, la stagione successiva è più difficile perché non sei un perdente, ma inizi come se fossi il primo capocannoniere lassù con Mohamed Salah”, ha spiegato Conte.

“Ma quando non lo fai (segna), di sicuro la fiducia diminuisce un po’. Allo stesso tempo, penso che un giocatore forte affronti questa situazione, affronti questa situazione… e superi questa situazione.

“E ancora lo ripeto – Sonny ha molto merito con me, con i compagni, con i tifosi e con tutto l’ambiente. Per questo Sonny per me non sarà mai un problema”.

Mentre Conte sta ancora decidendo cosa fare con Son, la sua mente sembra intenzionata a fare dei cambiamenti per lo scontro con i Foxes.

Clement Lenglet, Ryan Sessegnon e Dejan Kulusevski sono tutti in fila per il richiamo.

Conte ha ammesso che la sua recente decisione di abbandonare Kulusevski per tre partite di fila lo ha costretto a cambiare la sua solita politica quando ha lasciato i giocatori in panchina.

Ha aggiunto: “Sabato abbiamo bisogno di energia, abbiamo bisogno di energia. Abbiamo terminato la partita contro lo Sporting con poca energia e per questo sono un po’ sconvolto, perché nonostante la grande fatica che abbiamo fatto nel gioco, alla fine abbiamo perso la partita.

“Di sicuro farò la rotazione sabato. Vedremo (chi) ma lo ripeto. Cerco di prendere la decisione migliore in ogni momento per la squadra, non per me stesso.

“Far cadere Deki per tre partite di fila, onestamente per me è stato difficile. Non mi piace dare spiegazioni ai miei giocatori perché altrimenti in ogni partita devo parlare con l’uno, con l’altro e con l’altro.

“Penso che la cosa più importante sia avere rispetto per il ruolo. Ma allo stesso tempo ho parlato con Deki perché dopo tre volte di fila che sei andato in panchina, penso che meritasse di sentire che la mia fiducia, la mia fiducia, era come sempre. È stata solo una decisione tattica”.





Vai alla fonte di questo articolo

Lascia un commento