La ‘clausola da miliardi di dollari’ che salva gli allenatori in Europa

La ‘clausola da miliardi di dollari’ che salva gli allenatori in Europa

2022-09-19 19:25:54 Serie A: Confermato! Abbiamo tradotto per voi questo articolo dall’ottimo sito Marca:

EL’inizio di stagione è sempre difficile per alcuni club. La prova di ciò è che ce ne sono già diversi allenatori che sono stati licenziati.

Il primo è stato Scott Parker, L’ex allenatore del Bournemouth è stato espulso dalla squadra dopo la dolorosa vittoria per 9-0 sul Liverpool in campionato. Ma il più famigerato è stato il licenziamento di Tuchel dal Chelsea.

Diversi però sono gli allenatori appesi a un filo per i risultati sportivi raggiunti in questi giorni. Il problema per questi club è nel compenso che devono essere corrisposti se non portano a termine il contratto stipulato.

Un esempio di questo è stata la decisione presa dal Chelsea. Come riportato da Mail giornaliera, la squadra azzurra ha dovuto pagare 15 milioni di euro a Thomas Tuchel. Inoltre, A questo bisogna aggiungere i soldi che costa assumere un nuovo allenatore. Ed è quello, la firma di Graham Potter dal Brighton gli è costata 16 milioni di sterline al set inglese.

Tuchel, ex allenatore del Chelsea/ Pablo Moreno

Brendan Rodgers, Inzaghi e Allegri sono gli ultimi nominati

Continuando con la Premier, quello che sembra avere un piede e mezzo fuori dal suo club lo è Brendan Rodgers. Il città di leicester Non è partito con il piede giusto in questa stagione, visto che è ultimo con un solo punto su 21 possibili. Ed è proprio che Rodgers la giocherà il prossimo 3 ottobre al King Power Stadium, ma ha già riconosciuto in conferenza stampa di vedersi fuori dal club: “Rispetta ogni decisione”.

Ma il problema è ancora una volta nella compensazione. secondo Il Sole, il suo licenziamento costerebbe al Leicester City più di 11 milioni di euro. Nel caso in cui si verifichi, quello scelto per sostituirlo sarà Thomas Frankl’attuale manager del Brentford.

Brendan Rodgers, manager del Leicester City/ David Cliff

Brendan Rodgers, manager del Leicester City/ David Cliff

La Premier non è l’unica a guardare davvero al prezzo del risarcimento prima di licenziare i suoi allenatori. Ed è quello, nel campionato italiano ci sono anche due allenatori sotto i riflettori.

La sconfitta contro l’Udinese ha ulteriormente complicato la situazione Simone Inzaghi all’Inter. I nerazzurri sono settimi, dopo aver raccolto solo 12 dei possibili 21 punti. Inoltre, in Champions League hanno battuto il Viktoria Pilsen, ma hanno perso contro il Bayern Monaco.

E ancora una volta sul tavolo nerazzurro si riporta la questione economica, cosa accadrebbe economicamente se l’Inter decidesse di licenziarlo? secondo Finanza del calcio, Inzaghi, ha rinnovato il contratto a giugno fino al 2024, con un aumento dello stipendio a 5,5 milioni di euro netti (circa 10,1 milioni di euro lordi). Vale a dire, Dovrebbero pagargli un compenso per un valore lordo di circa 18 milioni di euro. A questo dovremo aggiungere il costo del suo successore in panchina.

Inzaghi, allenatore Inter/ Andrea Bressanutti

Inzaghi, allenatore Inter/ Andrea Bressanutti

Un altro che vede la sua posizione in pericolo è Allegri. La sconfitta contro il Monza ha ulteriormente complicato la loro situazione in campionato Juve. In campionato è ottavo con 10 punti su 21 possibili. Inoltre ha perso le due gare europee, contro PSG e Benfica.

Allegri ha firmato a maggio 2021 un contratto fino al 2025 del valore di 7 milioni di euro netti (circa 12,95 milioni di euro lordi). secondo Finanza del calcio, la cifra che la Juventus dovrebbe versare all’allenatore del Livorno in caso di esonero è di circa 36 milioni di euro lordi.

Allegri, allenatore Juventus/ Alessandro Di Marco

Allegri, allenatore Juventus/ Alessandro Di Marco

Quindi il nuovo dilemma per i club è dover scegliere tra compensare gli allenatori o continuare con gli scarsi risultati.


Se vi è piaciuto questo articolo, non indugiate e condividetelo con i vostri amici appassionati di calcio!



Vai alla fonte di questo articolo

Lascia un commento