Quindici giocatori della Spagna annunciano l’intenzione di dimettersi se Vilda rimarrà alla guida della squadra femminile

Quindici giocatori della Spagna annunciano l’intenzione di dimettersi se Vilda rimarrà alla guida della squadra femminile

Abbiamo tradotto per voi questo articolo:

La Federcalcio spagnola (RFEF) afferma che 15 giocatori si dimetteranno dalla squadra nazionale femminile a causa dell’impatto sul loro “stato emotivo” e sulla “salute”, mentre Jorge Vilda rimarrà come allenatore.

Vilda ha un accordo per rimanere come allenatore fino al 2024 e il presidente della RFEF Luis Rubiales deve ancora licenziare il capo nonostante le chiamate all’inizio di settembre per la sua rimozione.

Una selezione di giocatori spagnoli ha ora inviato un’e-mail alla RFEF, rifiutandosi di giocare fino a quando la decisione di tenere Vilda non sarà “invertita” a causa di una situazione che ha un impatto sul loro “stato emotivo” e “salute”.

Nonostante l’apparente scontento per Vilda in carica, la sua squadra si è già qualificata per il Mondiale del prossimo anno.

Tuttavia, un numero significativo di giocatori spagnoli si è ora rifiutato di giocare mentre lui rimane come allenatore.

La RFEF ha risposto affermando che i giocatori, che rimangono senza nome, non riceveranno un’altra convocazione fino a quando “non avranno riconosciuto il loro errore”.

“La RFEF non consentirà ai giocatori di mettere in discussione la continuità dell’allenatore nazionale e del suo staff tecnico, dal momento che prendere tali decisioni non rientra nei loro poteri”, si legge nella dichiarazione.

“La Federazione non ammetterà alcun tipo di pressione da parte di nessun giocatore nell’adottare misure sportive. Questo tipo di manovre sono tutt’altro che esemplari e al di fuori dei valori del calcio e dello sport e sono dannose.

Secondo l’attuale legislazione spagnola, la mancata partecipazione alla convocazione della nazionale è classificata come un’infrazione molto grave e può comportare sanzioni da due a cinque anni di squalifica.





Vai alla fonte di questo articolo

Lascia un commento